Untitled

Sono molto grata a questo ragazzo (o è una ragazza?) per ciò che ha scritto e sono certa che riuscirà a trovare nel suo quotidiano un motivo di felicità giornaliera.

Felicità come scopo dell’esistenza. Se qualcuno mi dovesse chiedere “qual è per te lo scopo della vita?” io risponderei “essere felici”. Non vedo altre cose che in una vita bisognerebbe sforzarsi di fare tanto quanto essere felici.

Forse l’altra cosa per cui vale la pena vivere è aiutare la gente a capire che la felicità è possibile ed è alla portata di mano di tutti.  Però forse questo è uno scopo di vita molto nobile e molto lontano dal quotidiano, ma a volte grazie a un breve tweet sembra un po’ più vicino.

Una poesia

“Non posso darti soluzioni per tutti i problema della vita
Non ho risposte per i tuoi dubbi o timori,
però posso ascoltarli e dividerli con te
Non posso cambiare né il tuo passato né il tuo futuro
però quando serve starò vicino a te
Non posso evitarti di precipitare, solamente posso offrirti la mia mano perché ti sostenga e non cadi
La tua allegria, il tuo successo e il tuo trionfo non sono i miei
però gioisco sinceramente quando ti vedo felice
Non giudico le decisioni che prendi nella vita
mi limito ad appoggiarti a stimolarti e aiutarti se me lo chiedi
Non posso tracciare limiti dentro i quali devi muoverti,
però posso offrirti lo spazio necessario per crescere
Non posso evitare la tua sofferenza, quando qualche pena ti tocca il cuore
però posso piangere con te e raccogliere i pezzi per rimetterlo a nuovo.
Non posso dirti né cosa sei né cosa devi essere
solamente posso volerti come sei ed essere tua amica.
In questo giorno pensavo a qualcuno che mi fosse amico
in quel momento sei apparso tu…
Non sei né sopra né sotto né in mezzo non sei né in testa né alla fine della lista
Non sei ne il numero 1 né il numero finale e tanto meno ho la pretesa
di essere il 1° il 2° o il 3° della tua lista
Basta che mi vuoi come amica
non sono una gran cosa, però sono tutto ciò che posso essere.”

Jorge Luis Borges – Amicizia.

 


 Voglio leggere altro! 

Interviste ai lettori    #libribelli    Post sulla felicità    Raccontiamo Milano  Chi sono

Alessandra Pagani si occupa di progettazione, coordinamento, supervisione e realizzazione di contenuti e progetti didattici, sia cartacei sia digitali, per l’università e la formazione accademica. Ha lavorato dal 2008 al 2020 per l’editore McGraw-Hill Education. Da gennaio 2021 è l’editor della collana Trattati e Manuali di Vita e Pensiero Editrice, casa editrice dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Dal 2016 al 2021 ha insegnato il proprio lavoro al master Professione editoria cartacea e digitale e al master Booktelling comunicare e vendere contenuti editoriali dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. È autrice di Manuale di editoria universitaria, Progettare contenuti per l’apprendimento, Editrice Bibliografica, 2020. Coordina le attività di promozione alla lettura del sito www.unalettrice.org, come Geranio, il gruppo di lettura mensile e virtuale. È autrice del podcast Voci dall’Italia, podcast nato durante il primo lockdown di marzo 2020 come proposta di Simona Scravaglieri e del gruppo di lettura Casa Sirio editore e andato in onda ogni giorno per cento giorni. Dal 2020 al 2021 ha scritto e condotto Stranger Books, programma radiofonico di libri, tecnologia e didattica su RadioActiva.

Comments(4)

    • L.

    • 7 anni ago

    Testo curioso, per uno come Borges. Riguardo le ragioni della vita direi che non è male anche occuparsi del proprio prossimo 🙂

    1. 🙂

  1. Boh, non sono mica tanto d’accordo. O forse sì. Comunque la penso così https://giacani.wordpress.com/2015/02/18/la-felicita-e-come-la-nebbia-a-milano/
    e parlando di felicità e di Milano, forse tu avrai qualcosa da dire… 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: