Roberto Calasso, ne “L’Impronta dell’editore”, un libro che cerca di disegnare la teoria dell’arte editoriale, spiega, tra l’altro, come si fanno le copertine dei libri. (…) Nome, carta, colori, schema grafico: tutti elementi essenziali della collana. Mancava ancora quello da cui un libro si lascia riconoscere: l’immagine. Che cosa doveva essere quell’immagine in copertina? Il rovescio dell’ecfrasi proverei a definirla oggi. Naturalmente non ci siamo mai detti nulla di simile, ma agivamo come se fosse sottinteso. Ecfrasi era il termine che si usava, nella Grecia antica, per indicare quel procedimento retorico che consiste nel tradurre in parole le opere d’arte. (…) L’ineguagliato maestro dell’ecfrasi rimaneLeggi tutto