è bello sapere che non sono l’unica a ricercare il modo di vivere con felicità e serenità ogni giorno.
Oggi vi ribloggo un articolo di casa benessere sulle 7 tipiche abitudini delle persone infelici. E voi? Quante di queste abitudini avete?

Alessandra Pagani è editor e autore - fondamentalmente significa che usa la propria voce per leggere, scrivere e condurre classi da formare e podcast da ascoltare. www.unalettrice.org è il suo sito web

No Comments

    • Stefano (Stia di Anobii)

    • 8 anni ago

    Molto interessante, da rifletterci su a lungo…
    Sì, sono abitudini in cui prima o poi ci si casca e più o meno in tutte…
    La lotta quotidiana con l’infelicità è sempre più ardua, troppo complicato semplificare, troppo perfetta la nostra imperfezione, troppo negativa la nostra prospettiva di positività…
    Troppa paura per il futuro e troppo passato a ricordarci che potrebbe risuccedere.

    Va bè, sono convinto che la felicità vada presa a piccole dosi, se no fa male, come il burro!
    e mi rifaccio ad una citazione da “Orfeo 9” , magnifica opera pop di Tito Schipa Jr.,
    riguardo la felicità: <>

    Anche questo commento è troppo negativo e “infelice”!! ??
    :))

    1. ciao Stefano! mentre ero in viaggio ho letto un tuo commento “ma tutta questa felicità non farà male?” e stavo pensando di dedicarti un post! ;))
      Non hai scritto un commento negativo, anzi, mi sembra che tu stia facendo il meglio che puoi e mi piace il tuo modo di fermarti a riflettere su questi temi.
      ciao!

        • Stefano (Stia di Anobii)

        • 8 anni ago

        … e no scusa, ma non si vede nel mio precedente commento la citazione sulla felicità da Orfeo 9: “… meglio non parlarne troppo se no se ne va subito.”

        1. ahahah

  1. Vado, controllo e torno

    1. e quindi? 😉

      1. Scusa, mi ero distratta a lavorate 😉 3 su 7. Si può migliorare

        1. Io sono consapevole di cadere in tutte e 7 queste trappole: cerco di prestare attenzione e non lasciarmi dominare!

  2. 5 🙁 specie la tendenza a vivere di passato e nel passato, di se e forse, troppi congiuntivi e condizionali, troppi periodi ipotetici dell’irrealta’..
    grazie di aver condiviso questa riflessione Ale. Good food for thoughts.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: