Poche miglia a sud di Soledad, il Salinas capita sotto le falde dei colli, dove scorre verde e profondo. L’acqua è anche tiepida, perché è sgusciata sfavillando sulle sabbie gialle nel sole, prima di giungere alla stretta pozza. Su una riva del fiume i pendii dorati del contrafforte salgono dolcemente ai monti Gabilan forti e rocciosi; ma a valle l’acqua e orlata di piante: salici verdi e novelli ad ogni primavera, ingombre le forche dei rami bassi dal tritume della piena invernale, e sicomori dalle candide e screziate braccia penzolanti e dalle fronde arcuate sulla corrente. Sulla riva sabbiosa sotto gli alberi giacciono le foglieLeggi tutto

“voglio delle rane piccole come si tengono”  – Non ne ho idea “vorrei dare alla mia gattina un nome giapponese” – Non posso aiutarti: la mia gatta ha il nome di una divinità greca… “perche’ il giorgino si chiama cosi’?” – Ma chi è il giorgino? “Abiti arance e caffe la nuova moda eco resoconto” – Non ho capito se hai fame o se vuoi dei vestiti.  “Al lavoro vorrei quando sono per strada quello che chiedo” –  Vorresti , al lavoro, quello che chiedi quando sei per strada?  “frase da mettere sul profilo romantiche da dedicare a una persona defunta a uh na sorella”. – Uh.Leggi tutto

1.Mi scrivi che hai dato a un tuo amico delle lettere da consegnarmi; mi inviti poi a non discutere con lui di tutto quello che ti riguarda, poiché tu stesso non ne hai l’abitudine. Così nella stessa lettera affermi e poi neghi che quello è tuo amico. Se usi una parola specifica in senso generico e lo chiami amico come noi chiamiamo “onorevoli” tutti quelli che aspirano a una carica pubblica, oppure salutiamo con un “caro” chi incontriamo, se il nome non ci viene in mente, lasciamo perdere. 2 Ma se consideri amico uno e non ti fidi di lui come di te stesso, sbagli diLeggi tutto

“E quando gli uomini erano in gruppo, la paura spariva dai loro volti e la rabbia prendeva il suo posto. E le donne sospiravano di sollievo, perchè capivano che andava tutto bene: il crollo non c’era stato; e non ci sarebbe stato mai nessun crollo finchè la paura fosse riuscita a trasformarsi in furore.” Ho amato il libro che ho letto voracemente. Parla di quel coraggio che gli esseri umani tirano fuori, non si sa da dove, nelle situazioni più difficili. Quando stremati si vorrebbe mollare e farla finita, la natura umana ci spinge, con una forza misteriosa, a reagire, ad andare avanti. Questo libro èLeggi tutto

Tempo fa avevo scritto su questo giornale che i settant’anni potevano essere belli, belli da vivere. Ora mi chiedono: e i novanta? I miei novanta non sono male, anzi ne ho aggiunto un altro e ora ne ho novantuno. Io sto abbastanza bene. Ma ho visto tanti miei amici star male dopo gli ottanta, amici molto cari con cui ancora scambiavo pensieri e sentimenti; uno che non sa consolarsi per la morte della moglie e ne muore, un altro per la stessa ragione vorrebbe morire e tira avanti come può, un altro non può camminare più come una volta, e uno sta perdendo la memoria,Leggi tutto