Felicità

Voci dall’Italia Podcast

VOCI DALL’ITALIA, PUNTATA 48

Felicità. Tutti ne sentiamo la mancanza, con le notizie raccapriccianti sui contagi e sui decessi provocati dalla pandemia dal COVID-19 e la noia della quarantena forzata. Ci pensa la puntata 48 di Voci dall’Italia a parlare di felicità, con la lettera F del Catalogo della gioia, scritto dalla più volte citata Antonella Anedda e con una frase di un filosofo giapponese, presidente della setta buddista Soka Gakkai, citato da Alessandra Pagani nella sua pillola di gratitudine. Torna il libraio di San Jordi con Irene. Infine, c’è spazio per una novella di Marcovaldo e una canzone di Claudio Baglioni.

29b9e5074a17348f7ce912c6b80b338a

VOCI DALL’ITALIA, PUNTATA 47

Alla sua quarantasettesima puntata, dunque quasi a metà del suo percorso, il podcast Voci dall’Italia ha raggiunto un importante traguardo: un migliaio di ascolti. Quindi Simona ringrazia tutti coloro che hanno seguito il podcast fino quasi a metà, auspicando un progressivo aumento di ascolti. La gratitudine di Alessandra Pagani è rivolta agli speed book days, appuntamenti che svolgeva coi gruppi di lettura prima della pandemia, ideati per consigli di lettura. Seguono una gratitudine per la musica, un racconto sulla guerra del Vietnam, la solita ironia del giornalaio Marco e il sonetto 113 di Shakespeare, letto da Valeria Natalizia.

Voci dall’Italia Podcast

VOCI DALL’ITALIA, PUNTATA 46

Venezia, la Serenissima, non è conosciuta solo per il suo patrimonio artistico e per il Carnevale, ma anche per i gondolieri. Questi rematori sono citati nel primo contributo di questa puntata di Voci dall’Italia, con una lettura tratta da un libro di William Goldman. La puntata è stata registrata il 1° Maggio del 2020 e proprio alla Festa del Lavoro è dedicato lo spunto di gratitudine di Alessandra Pagani. Un’altra testimonianza dei gruppi di lettura è il fulcro del successivo intervento a cui segue una lettura di Silvio D’Arzo.

Voci dall’Italia Podcast

VOCI DALL’ITALIA, PUNTATA 45

Una libreria che riapre i battenti dopo due mesi di fermo è un segno di rinascita dopo il lock-down. È quello che ci vuole per aprire questa puntata di Voci dall’Italia. Poiché questo capitolo è stato registrato l’ultimo giorno del mese di aprile, la quotidianità è spunto di gratitudine per Alessandra Pagani. Torna, dopo due puntate di assenza, il ciclo dei sonetti di Shakespeare a cura di Valeria Natalizia. Ma prima c’è spazio per due aneddoti comici.

1 2 16