Sticky

Premessa: grazie ad Antonella Mansi e al gruppo Liberi Libri per questa intervista! Mi scuso per il vergognoso ritardo con cui rispondo, abbiate pazienza! Presentazione: chi sei e cosa fai? Mi chiamo Alessandra Pagani, sono una lettrice. Leggo narrativa per passione e non fiction per professione. Lavoro come Editor di non fiction (saggistica e università) e insegno al Master Professione Editoria. Mentre per passione scrivo su www.unalettrice.org e organizzo eventi di promozione della lettura, quali lo Speed BOOK Date. Quando hai iniziato a fare quello che fai e perché? ho iniziato a scrivere su www.unalettrice.org nel 2013 per tenere traccia dei libri belli che leggevo.Leggi tutto

ciao, oggi condivido velocemente alcune foto che ho pubblicato su instagram (a proposito, voi usate questo social network? se sì, venitemi a trovare e fatevi riconoscere, a breve partirò con un progetto su questo social) e su Facebook.  Che cos’è il Bullet Journal? un’ agenda in cui si tiene traccia della propria pianificazione grazie ai punti elenco (bullet) i fogli interni sono bianchi e ognuno deve trovare il proprio modo di segnare impegni, track di attività, e tutto quello che si mette in un’agenda… le mie sono abbastanza spartane, ma molte persone brave a disegnare o decorare trasformano queste agende in album illustrati. Dai un’occhiata a #bulletjournal vedraiLeggi tutto

Siamo al mare e la pioggia scende a dirotto da almeno tre giorni. Per fortuna siamo nella casa-al-mare della famiglia di mio marito. È un posto dove torniamo spesso. Questa è la prima volta con il nostro bambino di un mese e mezzo. Fuori diluvia. Piove e c’è un rumore sordo e continuo, un rumore bianco che concilia lunghi respiri e occhi socchiusi. Anche il piccolo Federico sembra apprezzare la pioggia e dorme più del solito. Avanza un po’ di tempo per leggere. Non ci siamo portati molto libri quindi si legge quello che c’è in casa. Che libri si tengono in una casa alLeggi tutto

Sono al bar. Bevo un tè deteinato, mangio un bignè al cioccolato, leggo Edward Rutherford RUSSKA, libro che ho preso gratis in un punto di bookcrossing vicino a casa mia. Non appena mi tolgo la giacca risulta evidente che io sia incinta e anche piuttosto avanti con la gravidanza. Le due anziane signore sedute al tavolo vicino al mio non appena mi hanno visto hanno prima fatto ipotesi sul sesso del bambino e poi iniziato una serie di racconti trucidi sui parti e gli ospedali, girandosi molto spesso a guardarmi e a sorridermi. Fino ad ora le ho ignorate scrivendo sul cellulare, ma ora, viLeggi tutto