Sono stata invitata alla conferenza stampa della Smemo 2018. Quest’anno sarà un anno molto importante per il diario che ha accompagnato i miei anni di liceo: la Smemo, infatti, compie quarant’anni!  La Smemo ieri e oggi  Nata nel 1978 a Milano grazie al progetto di un gruppo di giovani che volevano creare una nuova proposta editoriale ai tempi rivoluzionaria senza l’ausilio di uffici marketing e capitali. (ah, ma qualcuno c’è riuscito allora! e anche alla grande direi…complimenti!)  La Smemo è nata per essere un po’ agenda, un po’ diario. Lunga 16 mesi  continua ad avere i fogli a quadrettati e copertine coloratissime, racchiude articoli, opinioni,Leggi tutto

Il #coloredbooktag impazza sul web: pile di libri colorati, accatastati per affinità cromatica popolano i social. Anche io, che sono attiva su Instagram, perchè in questo periodo è il social network che mi diverte di più, sono stata taggata dalla bookstagrammer La stoffa del lettore ( che mi ha assegnato il #coloredbooktag in rosso.  La  selezione dei miei rossi preferiti: Vasco Pratolini, Cronaca familiare @librimondadori  Gustave Flaubert, Dizionario dei luoghi comuni @adelphiedizioni  Raymond Carver, What we talk about when we talk about love @vintagebooks  George Orwell, 1984 @librimondadori  Ian McInerey Le mille luci di New York @libribompiani  Robert McLiam Wilson, Eureka Street @fazieditore  Mordecai Richler, La versione di Barney, @adelphiedizioni  Safran Foer, Molto forteLeggi tutto

La trama (ma non la svelo) Le ragazze, di Emma Cline, racconta una storia che tutti noi conosciamo. Non ce ne rendiamo subito conto perchè in realtà è un romanzo che, pur raccontando un fatto di cronaca che sconvolse l’America nel 1969, e in seguito arrivò come un’onda in Europa e in occidente, ne parla in modo obliquo, attraverso il ricordo di una delle protagoniste, ormai cresciuta e della sua visione della vita di allora, quando era poco più che adolescente. I fatti sono famosi e macabri: hanno influenzato la musica, il cinema, hanno dato una nuova sfumatura efferata alle comuni hippy della fine degli anniLeggi tutto

Michel Floquet è un giornalista francese che ha vissuto negli USA, per diversi anni, lavorando come corrispondente dall’estero. Utilizzando i numeri, le statistiche, dati oggettivi e fonti certe, Floquet traccia un ritratto crudo e reale di cosa sono oggi gli USA. Quindici brevi capitoli descrivono, uno Stato dove non c’è nessuna pietà per i poveri, armato fino ai denti, dove la polizia (anzi, le polizie) che si sente continuamente minacciata, uccide quasi due esseri umani al giorno. I più ricchi, negli Stati Uniti, non sono l’1 ma lo 0,1 per cento della popolazione. Centosessantamila famiglie circa, che detengono da sole quasi un quarto della ricchezza nazionale.Leggi tutto

Speed BOOK Date è un aperitivo letterario, un evento pubblico e gratuito che ha come obiettivo conoscere nuovi libri, nuove persone, nuovi sapori. Ogni partecipante è invitato a portare con sè un romanzo che ha amato e a presentarlo agli altri in 5 minuti. A seguire alcune brevi interviste a cura di Unalettrice.org e l’aperitivo organizzato da MorettosChefs  il 16 dicembre dalle 18,30 alle 20,30 nello spazio pubblico de La Dogana di Milan via Dogana 3, MM DUOMO   ***EVENTO CONFERMATO*** nonostante il 16 dicembre l’ATM proponga uno sciopero, (sempre di venerdì…) abbiamo deciso di prendere tre accorgimenti anti-sciopero ATM (ma sarà un mini-sciopero) 1.prendereLeggi tutto